LA STORIA DELL’ ALTIERI

L'origine del suo nome deriva dal Palazzo Altieri, per secoli villa estiva dei Vescovi di Todi.

In età Medioevale questo palazzo era situato nel centro di Fratta Todina che, gia dal 1300 d.c. era gia stato adibito a palazzo baronale da Braccio Fortebraccio.

La sua importanza portò personaggi come Pico della Mirandola, Francesco Sforza, la Famiglia Baglioni e i nobili di Perugia esiliati da Braccio a dimorare li.

Nella prima metà del 1600 d.c., il Vescovo Altieri instaurò la sua dimora nel palazzo, eleggendo Fratta come luogo privilegiato di villeggiatura. Il cardinale Altieri, nel 1640 d.c., commissionò all'architetto De Rossi il compito di ristrutturare il palazzo, dandogli un aspetto barocco della nobiltà romana.

Al Cardinale Altieri si deve anche l'origine dello stemma della struttura, una stella ad 8 punte ed api con cui decorò il cortile dove è situata una stupenda fontana, facente parte dei giardini Vescovili delimitati da un muro e due grandi portali ad oggi ancora visibili.

L' Hotel nacque nella prima metà degli anni 90’ e fu preso come riferimento ricettivo per i club calcistici militanti nei campionati italiani di serie A e B.

Inoltre al suo interno si trova un ampio e ottimo ristorante da circa 300 posti, una sala meeting e congressi e un cinema all'aperto.